fbpx

Fondazione Luigi Bernardi

A sostegno dell'infanziavirgolette
da oltre settant'anni nel Comune di Brescia

bernardi per web seppiaLuigi BernardiNel 1937 il colonnello Luigi Bernardi scelse la Congrega della Carità Apostolica come erede della propria sostanza, con l’obbligo di costituire «un’Opera pia Bernardi avente lo scopo di provvedere a mantenere in idonei istituti fanciulli poveri e deficienti di ambo i sessi, di età compresa fra i 4 e i 16 anni, residenti nel Comune di Brescia».

In conformità alla volontà del fondatore, spettano alla Congrega la rappresentanza legale e l'amministrazione del patrimonio della fondazione, che ha autonoma e distinta soggettività. Nel 1991, a seguito della depubblicizzazione deliberata nel 1991 dalla Regione Lombardia, l’ente ha perso la qualifica di IPAB (Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza) ed ha assunto personalità giuridica di diritto privato.

palazzo bernardi ridIl palazzo di Piazza Paolo VI donato dal col. Bernardi alla Congrega in una stampa anticaPer identificare le realtà destinatarie dell’aiuto della fondazione ed operanti a favore dei minori disabili e bisognosi, lo statuto – aggiornato nel 2005 – precisa che si dovrà guardare al fine della «educazione fisica e morale e istruzione dei giovani ad esse affidati […] In casi particolari l’assistenza potrà continuare anche dopo il compimento della maggiore età». 

Pertanto, nel rispetto del dettato statutario, ogni anno i proventi derivati dal patrimonio mobiliare ed immobiliare vengono investiti in erogazioni a enti o istituzioni che operano a sostegno della disabilità psichica e fisica, di cui viene dato conto nel Bilancio sociale della Congrega e delle fondazioni amministrate.