fbpx

L'impegno per la casa

Una delle forme più antiche della beneficenza praticata dal Sodalizio, virgolette
è la concessione di abitazioni, gratuite, o semigratuite,
a povere donne sole o a famiglie povere della città

(Regolamento per le Case popolari - 1908)

Le case di via Rose di sotto in costruzione (1950 circa)

Le case popolari del quartiere Mazzucchelli negli anni '30

Uno scorcio di via Camillo Pulusella

Quante case ha la Congrega? Nessun mistero...
Prima di tutto, alcune abitazioni sono in campagna perchè il patrimonio del Sodalizio ha – per ragioni storiche – una componente agraria significativa. Il resto è in città.
La quota immobiliare urbana del patrimonio è rappresentata da 664 unità. Di esse 216, pari al 33%, hann ola funzione di garantire una rendita a sostegno delle attività istituzionali,con locazioni a utilizzo abitativo e commerciale.
La maggior parte delle "case cheha la Congrega" (il 67%) ha invece destinazione sociale. Si tratta di 448 unità abitative, che hanno varia tipologia di impiego e di accesso. Tutte sono ubicate nel Comune di Brescia, con una contenuta eccezione di una decina di alloggi per Mantova. Ad accomunarle è la pratica da parte della Congrega e delle fondazioni amministrate di condizioni di locazione più favorevoli rispetto ai parametri del mercato.
 
Con l'etichetta più tradizionale di "alloggi popolari" o con quella più aggiornata di "immobili adestinazione sociale" si coprono in realtà interventi assai differenziati. Si va dai 56 minialloggi semiprotetti, prevalentemente destinati ad anziani, ove l'inserimento è preceduto da colloqui individuali e accompagnato dagli operatori sociali della Congrega, ai 41 posti letto per studenti universitari fuori sede, con canone commisurato a parametri regionali e assegnati per bando.
Le case per anziani sono due in Centro storico e una in Mompiano, mentre le residenze universitarie sono situate in zona San Faustino.
 
351 abitazioni sono disseminate sul territorio urbano di Bresciatra via Milano e via Rose di Sotto nella zona ovest; via Paitone, via Pulusella e via Monti nel Centro storico e via del Brasile nella zona sud. È questa la soluzione alloggiativa più tradizionale, all'interno della quale però non mancano forme più sperimentali di accoglienza grazie a numerose collaborazioni con realtà di Terzo Settore. Di questi 351 alloggi 263 sono assegnati direttamente dalla Congrega con un affitto determinato in base alle tabelle del canone "concordato" (legge 431/98), ulteriormente abbattuto in funzione della qualità dell’immobile. 88 alloggi, ristrutturati nel 2009 con cofinanziamento regionale Aqst, sono assegnati con band opubblico; il canone "moderato",è ridotto del 20-40% a seconda del reddito degli assegnatari.
 
Per la distinta configurazione degli enti gestori, alle cifre sopra indicate sono da aggiungere i 54 posti letto presso la RSA Pasotti Cottinelli e i 19 alloggi protetti messi a disposizione dall’IstitutoRazzetti per mamme e bambini in difficoltà con il servizio “Casa di Vittoria”.
 
Una parte importante delle energie della struttura operativa della Congrega è dedicata alla gestione delle "case" ed al rapporto con gli inquilini. Oltre alle problematiche tecniche e manutentive (più di 1.300 segnalazionie richieste di intervento in unanno), è infatti necessaria un'attenta cura degli aspetti sociali. Questa attenzione è declinata dall’inizio: nel 2018 sono state raccolte dietro colloquio 123 richieste di locazione e 14 di cambio alloggio, mentre le assegnazioni, con un turn over dell'8%, hanno interessato 36 unità, di cui 5 minialloggi per anziani. Lo strumento della visita domiciliare (un centinaio nel 2018 )consente di aprire le porte dei quartieri popolari per conoscere ambienti di vita e dinamiche di vicinato. Verso le persone anziane, sole o malate, è un modo diretto di aiuto e di sostegno.
Non solo le regole di convivenzae condominio, ma anche l'equilibrio economico di locazione sono oggetto di verifica con gli inquilini più in difficoltà (almeno il 25%). Costante è la problematica degli insolventi e dei progett ipersonalizzati di rateizzazione e accompagnamento, che son oelaborati in rete con il Servizio Casa del Comune di Brescia. 
Ultima modifica il Giovedì, 11 Giugno 2020 09:45
Altro in questa categoria: « Il servizio della beneficenza