fbpx

Ripartiamo dalla scuola: una raccolta fondi diffusa per garantire il materiale scolastico di base

Giovedì, 30 Luglio 2020 07:02

Anche la Fondazione Dominique Franchi onlus, amministrata dalla Congrega della Carità Apostolica e fondata nel 2011 per “prestare aiuti, morali e materiali, a minori in qualunque modo bisognosi”, aderisce al progetto “Ripartiamo dalla scuola – Un kit solidale”, lanciato alcune settimane fa dal cdq Lamarmora con il Comune di Brescia e il Servizio sociale territoriale Sud. L’iniziativa, a cui partecipano anche l’Oratorio San Giacinto, l’Oratorio Beato Palazzolo, Tavola Rotonda – why not!?, l’associazione Montessori Brescia, il Circolo ACLI Corsica, ANPI – commissione scuola Dolores Abbiati e La Casa del Quartiere, vuole dare ai bambini appartenenti a famiglie in difficoltà economiche la possibilità di tornare sui banchi a settembre con l’adeguato materiale scolastico. Per questo è stata lanciata una raccolta fondi per donare kit di quaderni, penne, matite, diari e album ai bambini più bisognosi delle scuole primarie e secondarie di primo grado della zona sud-ovest della città.

È stato finora possibile aderire tramite bonifico bancario, con una donazione libera, indicando codice fiscale di chi versa e la dicitura “contributo kit emergenza scuola” ad Associazione Montessori Brescia (Iban: IT 48 W 02008 56760 000102604510). La Fondazione Dominique Franchi onlus, che i coniugi Alessandro Franchi e Brigitte Meschede hanno costituito a ricordo della figlia Dominique scomparsa nel 2008 all'età di quattro anni, dà un’ulteriore possibilità: donare online attraverso la campagna di crowdfunding https://www.gofundme.com/f/ripartiamo-dalla-scuola-kit-solidale

Con 30 euro sarà possibile acquistare un kit completo, predisposto da Ingros Carta Giustacchini, e permettere a un bambino di iniziare l'anno scolastico nel migliore dei modi. I Servizi Sociali Territoriali si occuperanno della segnalazione delle famiglie in difficoltà e i kit saranno consegnati tramite i volontari del consiglio di quartiere e delle varie realtà coinvolte.

Il progetto parte dalla consapevolezza che l’emergenza sanitaria ha messo in grave difficoltà le famiglie economicamente più fragili e che il prossimo autunno, con la ripresa della scuola il 14 settembre, una delle spese che peseranno maggiormente sul bilancio domestico sarà proprio quella per il materiale scolastico. Ma è diritto di ogni bambino poter frequentare la scuola con tutto ciò che è necessario per la didattica: non è solo una questione di apprendimento, ma anche e soprattutto di dignità.

Locandina