Fondazione Liliana Giordano e Giuseppe Scalvi: in dialogo con 76 parrocchie bresciane per l’aiuto alle persone con disabilità

Martedì, 14 Gennaio 2020 10:19
La Fondazione Liliana Giordano e Giuseppe Scalvi, amministrata dalla Congrega della Carità Apostolica, nasce nel 2014 e per volontà della benefattrice – la signora Liliana Giordano di Chiari – ha lo scopo «di offrire aiuti morali e materiali, assistenza, istruzione e riabilitazione ad handicappati fisici e psichici, minori e adulti, in qualunque modo bisognosi, con preferenza fra quelli residenti nel comune di Chiari e suo territorio». Secondo lo statuto, gli interventi sono disposti esclusivamente mediante l’interessamento dei Parroci dei luoghi di residenza.
 
Nel primo quinquennio, la Fondazione ha erogato 84.611 euro, concentrando la propria attività sulla zona pastorale VIII della Diocesi ove, oltre a Chiari, si trovano le parrocchie di Castelcovati, Castrezzato, Cizzago, Comezzano, Cossirano, Rudiano, Trenzano e Urago d’Oglio. In particolare, con un incremento della media degli ultimi quattro anni, nel 2019 la beneficenza erogata ammonta a 24.926 euro, così suddivisi: 7.000 euro destinati a 7 persone assistite dal Centro Rustico Belfiore di Chiari, 9.926 euro a 8 persone presso il domicilio, 8.000 euro a 8 alunni con disabilità frequentanti la scuola dell’infanzia e primaria.
 
Per il 2020, in considerazione di rinnovate disponibilità, la Commissione direttiva ha deliberato di estendere l’area geografica di operatività e gli interventi della Fondazione includendo le 76 parrocchie limitrofe alla zona pastorale di Chiari, da Roncadelle sino a Orzinuovi: zona VI (Franciacorta), zona VII (Fiume Oglio), zona IX (Bassa Occidentale), zona XXV (Suburbana III).
 
Le richieste potranno riguardare singole persone (minori e adulti) con disabilità, mentre non saranno presi in considerazione iniziative e/o progetti; i casi segnalati dal parroco saranno istruiti dagli uffici della Congrega e vagliati da una Commissione di beneficenza. I parroci possono fare richiesta scaricando il modulo disponibile qui sotto.
 
Fondamentale è per la Congrega e per la Fondazione Giordano Scalvi il rapporto con le parrocchie, tramite necessario ed insostituibile voluto dai benefattori per raggiungere le famiglie delle persone con disabilità e nel contempo favorire l’attenzione delle comunità verso chi è più fragile.